Be prepared to be surprised

15ème Meeting internazionale degli esperti in materia di auto-aiuto
Dal 17 al 20 settembre 2019, Berlino, Germania
Bettina Haefeli

Ogni due anni abbiamo l'opportunità di partecipare alla riunione degli esperti europei delle strutture nazionali di auto-aiuto. La promozione dell'aiuto reciproco è gestita in modo diverso in ogni paese - quindi non ovunque, come in Svizzera, esiste un'organizzazione ombrello nazionale più elevata. Per questo motivo le strutture di promozione regionale partecipano agli incontri. Quest'anno, l'incontro europeo si è svolto a Berlino.
Abbiamo avuto l'opportunità di partecipare ad un programma poliedrico con molti contributi e scambi interessanti, soprattutto nell'ambito di progetti di auto-aiuto. Inoltre, ogni paese partecipante ha presentato la propria situazione attuale, concentrandosi su eventi o sfide attuali. Ecco alcuni esempi.

Diverse culture e sostegno all’auto-aiuto

In Inghilterra, solo due persone su quattro (in origine) sono ora impegnate a sostenere gruppi di auto-aiuto a Nottingham e dintorni (non esiste una struttura di supporto altrove nel Regno Unito), anche se ricevono richieste da tutto il paese e l'interesse è enorme. A causa della situazione economica e politica, i finanziamenti da aprile 2020 sono ancora incerti.

In Finlandia non esistono ancora strutture di auto-aiuto, la parola "auto-aiuto" non è usata nel linguaggio e non esiste un concetto generale di auto-aiuto. Il volontariato è un aspetto importante della società finlandese.
Questo vale anche per la Danimarca, dove il 40 per cento della popolazione è impegnato in attività di volontariato. La promozione dell'auto-aiuto è proposta su piccola scala all'interno dell'organizzazione nazionale di volontariato.

Cooperazione con le università
In Belgio, d'altro canto, esistono interessanti attività di ricerca scientifica su "Pazienti esperti negli ospedali", esistono strutture ospedaliere favorevoli all’auto-aiuto e un progetto con un forum dei pazienti con malattie croniche. Dal 2016 esiste un primo centro regionale di auto-aiuto. In Grecia, il programma di auto-aiuto è attuato anche in stretta collaborazione con l'Università di Salonicco, per la quale ricevono fondi dal Ministero della sanità greco. Tuttavia, sono coperti solo i problemi di tossicodipendenza.

L'esempio della Germania

In Germania è in corso un cambio generazionale che rappresenta una grande sfida per tutti i professionisti del settore.
Vi è un'intensa collaborazione con esperti nel campo dell'informazione, dei dati e di cifre precise sui gruppi di auto-aiuto e sulla promozione nazionale dell'auto-aiuto. Ci sono circa 100.000 gruppi di auto-aiuto per 80 milioni di persone in Germania. Solo a Berlino ci sono tanti gruppi di auto-aiuto quanti ce ne sono in tutta la Svizzera (più di 2'500 con 3,6 milioni di abitanti). Un argomento più recente - che è ancora agli inizi - è quello dei famigliari curanti di lunga durata che hanno smesso di lavorare.

Il contributo della Svizzera

Info-Entraide Svizzera ha presentato i risultati dello studio nazionale del 2017, che sono stati accolti molto bene. Gli scambi con i colleghi europei ci hanno reso ancora una volta consapevoli del fatto che, con la nostra struttura di sostegno nazionale, disponiamo di buoni presupposti e di un interessante margine di manovra per avviare misure di sostegno a lungo termine in modo ragionevole, come il progetto Istituzioni sanitarie favorevoli all’auto-aiuto.
In conclusione, abbiamo trovato una caratteristica comune a tutte le nazioni: la promozione dell'auto-aiuto è un processo che richiede molto tempo e molta perseveranza - in modo che alcuni possano affermarsi, in modo che altri possano progredire.


Teilnehmende Länder

Belgio www.zelfhulp.be
Danimarca www.frise.dk
Finlandia www.naistenkartano.com/english
Germania www.dag-shg.de
Grecia www.selfhelp.gr
Paesi Bassi www.zorgbelanglimburg.nl
Norvegia www.selvhjelp.no
Austria www.oekuss.at
Gran Bretagna www.selfhelp.org.uk
Svizzera www.autoaiutosvizzera.ch